7 Marzo 2014 – Mangia che diventi grande: genitori e figli a tavola – Mestre (VE)

Written by Daniela on 28 febbraio 2014 – 21:39 -

La Dott.ssa Michela Trevisan terrà una conferenza:

Mangia che diventi grande: genitori e figli a tavola

L’educazione al cibo è il pane della vita

Venerdì 7 marzo 2014 ore 20,30

Aula Magna centro civico “D.Manin”, via Rio Cimetto 32

info: www.icdonmilanimestre.it

Il ciclo di conferenze “Mangia sano e ….vai lontano”, è nato dall’idea di un gruppo libero di genitori della scuola primaria Filzi, è un’iniziativa promossa dall’Associazione”Il filo di Juta” con la collaborazione del Servizio Sociale della Municipalità di Chirignago-Zelarino.


Tags: , , , ,
Posted in Email Newsletter, News | No Comments »

Dal sito della Spiga D’Oro: Le insidie del lattosio

Written by Daniela on 26 febbraio 2014 – 09:49 -

La Spiga d’Oro ha pubblicato sul suo sito un approfondimento

della Dott.ssa Michela Trevisan su:

Le insidie del lattosio

liberi-da-allergie-e-intolleranze_27263

http://www.spigadoro.org/newsletter.php?news=e58cc5ca94270acaceed13bc82dfedf7&uid=97275a23ca44226c9964043c8462be96


Tags: , , , ,
Posted in Email Newsletter, News | No Comments »

Cioccolato si o cioccolato no?

Written by Alice Peltran on 25 febbraio 2014 – 17:11 -

 

TavolettaCioccolatoTanto amato quanto temuto, il cioccolato è uno degli alimenti più consumati al mondo! Ci consola nei momenti bui, ci tiene compagnia, ci coccola, ci vizia e spesso è associato alla sfera affettiva…

Il dibattito su quanto possa essere salutare è ancora aperto: sicuramente quello bianco e quello al latte sono ricchi di grassi e zuccheri, ma sul cioccolato fondente sembrano essere tutti concordi nel dire che possa avere un qualche effetto preventivo (per la gioia degli appassionati!). Un articolo pubblicato nel 2007 sul Circulation (American Heart Association), però, rivela qualche sorpresa!

Secondo gli autori la maggior parte delle persone pensa che il colore del cioccolato sia indice della sua qualità e quindi del suo potenziale effetto benefico sulla circolazione sanguigna. In uno studio condotto da Flammer e colleghi, si sono identificate le sostanze responsabili di quest’effetto: degli antiossidanti chiamati flavonoli (in particolare epicatechina, catechina e probabilmente, procianidine), i quali potrebbero portare a vasodilatazione delle arterie coronariche. Tutto il cacao, in origine, contiene questi flavonoli, il problema sta nella lavorazione per ottenere polvere di cacao o barrette di cioccolato. In un processo chiamato “dutching” (in cui si aggiunge carbonato di potassio al cacao), il contenuto di flavonoli, amari, si riduce drasticamente e contemporaneamente migliora la consistenza e l’aspetto del cioccolato. Un’ altra conseguenza di questo processo è che il cioccolato si scurisce, per cui un cioccolato davvero fondente (e quindi scuro) potrebbe risultare comunque privo di flavonoli! “Forse”, suggeriscono gli autori, “l’industria alimentare dovrebbe cambiare comportamento e apportare delle etichette, sulle confezioni, che indicano il contenuto di questi antiossidanti”.

Ne risulta, quindi, che non possiamo essere sicuri che un cioccolato fondente di ottima qualità sia un cibo effettivamente salutare, soprattutto se questo contiene anche grassi e zuccheri. La buona notizia è che il cacao in polvere è ottenuto per rimozione della parte grassa (burro di cacao, che viene usato per produrre cioccolato bianco), per cui essendo un composto poco calorico, privo di zuccheri e grassi, potrebbe essere considerato salutare nonostante sia povero di flavonoli.

Il sospetto che il cioccolato possa essere salutare e preventivo, deriva da osservazioni fatte sulla popolazione di indiani Kuna che vivono al largo della costa di Panama. Questi bevono almeno 5 tazze al giorno di una bevanda a base di cacao ricco di flavonoli e non conoscono l’ipertensione. Per contro, quando gli abitanti dell’isola si trasferiscono sulla terraferma e consumano cacao acquistato nei negozi, l’effetto protettivo svanisce.

Diverso potrebbe essere se il cacao venisse consumato crudo, ad esempio sotto forma di fave intere, in modo che gli antiossidanti non vadano persi (ma andrebbe perso probabilmente quel gusto che ci ha conquistati!).

Per concludere, a mio avviso dovremmo affidarci al “principio di precauzione”, ovvero: non essendoci evidenze certe sull’effetto benefico del cioccolato in commercio (povero di antiossidanti), meglio concedercelo solo occasionalmente, sotto forma di cioccolato fondente (che ha meno grassi e zuccheri rispetto a quello al latte) o come polvere di cacao da aggiungere a qualche dolcetto fatto in casa.

Inoltre, il cacao non è certo l’unica fonte di flavonoidi (anche se forse è la più buona!). Basterà adottare un’alimentazione varia e ricca di vegetali colorati, di stagione, per assicurarsi un notevole apporto di sostanze benefiche e preventive!

 


Posted in Email Newsletter | No Comments »

Spuntino n. 11: La pasta madre

Written by Sofia Kanellou on 24 febbraio 2014 – 23:11 -

προζύμιFate il pane a casa! Utilizzate la pasta madre piuttosto che il lievito di birra. Così il pane ha un indice glicemico più basso, porta meno gonfiore e fornisce più minerali all’organismo. Utilizzate farine integrali o semintegrali.


Posted in Email Newsletter, Spuntini | No Comments »

Polpette di lenticchie al curry

Written by Chiara Dal Bello on 20 febbraio 2014 – 13:16 -

20140216_205909

Ingredienti:

200g di lenticchie rosse decorticate

1 o 2 carote

1 o 2 porri

curry

sesamo

 

Preparazione:

cuocere le lenticchie in due parti di acqua, con un pizzico di sale o di brodo vegetale, fino a completo assorbimento dell’acqua ottenendo un purè. Aggiungere curry a piacere, mescolare e far raffreddare un pochino.A parte cuocere brevemente in una padella carote e porro, entrambi tagliati a pezzetti di piccole dimensioni, con un pò d’acqua, in modo da renderli un pò morbidi. A proprio gusto, è possibile aggiungere altro curry sulle verdure. Aggiungere le verdure al purè di lenticchie, mescolare, formare delle palline e passarle nel sesamo per ricoprirle. Infornare a 160°C per circa 10 minuti, fino a rendere dorato il sesamo.

Si possono prepare le stesse polpette, anche utilizzando altre verdure. Ad esempio una variante estiva si può ottenere con melanzane, zucchine e peperoni, seguendo lo stesso procedimento; ottime anche una volta raffreddate.


Tags: , ,
Posted in Email Newsletter, Ricette | No Comments »

28 Febbraio 2014 – Alimentazione ed ambiente – Codroipo (UD)

Written by Daniela on 18 febbraio 2014 – 13:19 -

La Cooperativa Aurora organizza

 

Venerdì 28 Febbraio alle ore 20,30

 

una conferenza tenuta dalla Dott.ssa Michela Trevisan su

“Alimentazione e ambiente.

Come le scelte alimentari influenzano il nostro sistema immunitario”

 

presso la ex Scuola Elementare di Piazza Dante 

 

(con ingresso da Via Trieste)

Per informazioni 0432 908233


Tags: , , , , ,
Posted in Email Newsletter, News | No Comments »

22 Febbraio 2014 – Le insidie del lattosio: allergie e intolleranze – Spiga D’Oro – Treviso

Written by Daniela on 18 febbraio 2014 – 13:11 -

La Dott.ssa Michela Trevisan sabato 22 febbraio alle ore 10,00

presso la Sala Acli di fronte alla Spiga D’Oro tratterà il tema:

“Le insidie del lattosio:

allergie e intolleranze”

.


Tags: , , , ,
Posted in Email Newsletter, News | No Comments »

Movimento….anche una questione ambientale

Written by Michela Trevisan on 18 febbraio 2014 – 11:51 -

2013-06-20 11.47.02Senza nemmeno accorgerci ci siamo abituati a vivere in luoghi dove tutto è sempre più organizzato e costruito artificialmente, dalla scansione del tempo a quella dello spazio. Abbiamo creato nelle nostre vite una contrapposizione tra le “cose serie”, lavoro, casa, famiglia e quelle meno serie, quasi superflue, come il divertimento, che viene visto e vissuto dalla maggior parte di noi come distrazione dalle cose serie. In queste attività di “distrazione” facciamo rientrare la musica, la danza, l’arte, la passeggiata, l’incontrarsi, il gustare la bellezza, come se queste fossero legittime distrazioni per riposarsi dal mondo serio. Read more »


Posted in Email Newsletter, NUPAlestra | 3 Comments »

Spuntino n. 10: Spegnere la TV

Written by Sofia Kanellou on 17 febbraio 2014 – 22:48 -

tvSpegnere la TV! Quando si mangia con la compagnia della tv il cervello riceve e invia messaggi diversi da quelli della digestione. Il risultato è lo scarso assorbimento dei nutrienti. Inoltre si modifica la sensazione della sazietà accumulando fino al 35% in più di calorie senza rendersene conto!


Posted in Email Newsletter, Spuntini | No Comments »

SLS & SLES – tratto dal blog “cosmesi e dintorni”

Written by Alice Peltran on 16 febbraio 2014 – 16:31 -

cosmeticiLaura Gragnanin, biologa.

I prodotti detergenti contengono sostanze ad azione detergente, sgrassante e schiumogena chiamate TENSIOATTIVI: Sls e Sles ne sono un esempio.  Sls Appartiene al gruppo degli Alchilsolfati, i primi tensioattivi sintetici ad essere stati impiegati in cosmesi. Sls è l’acronimo di Sodium lauryl sulfate (Laurilsolfato di sodio), si ottiene per solfonazione di un alcol grasso (alcol laurilico) a 12 a tomi di carbonio ed è un tensioattivo di tipo anionico utilizzato in shampoo, saponi liquidi per le mani, bagnoschiuma, dentifrici, detergenti intimi. In etichetta si trovano altri esponenti quali Ammonium lauryl sulfate, TEA lauryl sulfate, Magnesium lauryl sulfate (quest’ultimo più delicato dei precedenti). Gli alchilsolfati sono stati largamente impiegati nei cosmetici per le loro ottime capacità schiumogene e detergenti, per contro presentano un forte potere irritante che ne limita l’impiego; possono seccare la pelle asportando il film idro-lipidico protettivo presente sulla superficie cutanea così importante per l’integrità della stessa pelle. Se in formulazione sono presenti tensioattivi (Cocamydopropyl betaine) in grado di ridurre la loro aggressività possono per contro risultare anche dolci sulla pelle. Sls può essere interamente di origine naturale e quindi biodegradabile.   Sles Appartiene al gruppo degli Alchileteresolfati e deriva dall’etossilazione di Sls.  Sles è l’acronimo di Sodium laureth sulfate (Sodio lauriletere solfato) ed è il tensioattivo anionico più utilizzato nei prodotti detergenti; rispetto ad Sls è più tollerato e maggiormente solubile in acqua. In generale gli Sles (Ammonium laureth sulfate, Magnesium laureth sulfate, TEA laureth sulfate) sono meno aggressivi sulla cute ma restano comunque dei tensioattivi troppo detergenti per la pelle pertanto vanno miscelati ad altri tensioattivi più delicati che ne diminuiscono la forza. La reazione di etossilazione con cui vengono prodotte queste sostanze vede l’utilizzo di ossido di etilene di derivazione petrolifera; pertanto chi decide di evitare tali derivati deve scegliere altri tensioattivi per i suoi detergenti.  Altre scelte? In etichetta possiamo trovare altri tensioattivi più delicati ed eco-bio? Acilsarcosinati: Sodium cocoyl sarcosinate Acilglutamati: Disodium cocoyl glutamate Alchil anfodiacetati: Disodium cocoamphodiacetate.

Per maggiori informazioni: http://cosmesiedintorni.blogspot.it


Posted in Cosmetici, Email Newsletter | No Comments »

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner