Petizione Coltiviamo Futuro

Postato da Chiara Dal Bello il 7 febbraio 2018 – 19:46 -

La petizione del Coordinamento Coltiviamo Futuro al quale abbiamo aderito come Nupa è online:

si tratta di una petizione per FERMARE IL DILAGARE DELLA MONOCOLTURA (in particolare la monocoltura del prosecco) nell’area Grappa, Asolo, Montello, Piave (GAMP) e promuovere il graduale passaggio all’agricoltura e viticoltura BIOLOGICA E SOSTENIBILE.

è possibile firmare qui


Categoria Email Newsletter | 2 Commenti »

Nuovo Video: 1^ convegno nazionale Nupa- SIPEF 01 aprile 2017

Postato da Roberta Franceschini il 5 febbraio 2018 – 13:30 -

E’ la volta della Dr.ssa Renata Alleva, biologa nutrizionista, specialista in scienza dell’alimentazione, Presidente Sez. Provinciale ISDE di Ascoli Piceno che continuerà a parlarci di inquinanti ambientali e rischio per la salute con una relazione dal titolo “Inquinanti ambientali nella catena alimentare e implicazioni per la salute”

 

 


Categoria Email Newsletter, Stili di vita, Video | Nessun commento »

Etichette cosmetiche: parliamone!

Postato da Laura Gregnanin il 5 febbraio 2018 – 11:00 -

Per curiosità e interesse professionale leggo sempre le etichette dei cosmetici che mi capitano sotto mano, come un buon nutrizionista legge quelle alimentari: è importante nutrire la nostra pelle dall’interno ma anche dall’esterno! Guardo soprattutto la formulazione generale, il sistema conservante, la tipologia di tensioattivi usati nei detergenti, le sostanze funzionali, gli eventuali allergeni del profumo e la presenza di solventi; valuto anche il packaging ma soprattutto mi incuriosisce quanto scritto sulle confezioni stesse. Il formulatore dosa parole e crea immagini efficaci perché il consumatore scelga il suo prodotto e devo dire che si trovano spesso frasi accattivanti del tipo “combatte i segni visibili del tempo”, “rallenta la perdita di collagene ed elastina”, “crema ricca di oli naturali pregiati”, “usata ogni giorno è efficace contro le rughe” …. Frasi accattivanti che incentivano l’acquisto, ed il consumatore medio è attratto anche da frasi che iniziano per NON: “non testato su animali, non contiene sles, non contiene parabeni, non contiene cessori di formaldeide, non contiene edta, etc. Continua a leggere »


Categoria Cosmetici, Email Newsletter | Nessun commento »

Dagli impacchi d’argilla al’’EBM (Medicina basata sulle evidenze)

Postato da Daniela il 8 gennaio 2018 – 10:54 -

Sarà l’età ma l’inizio dell’anno ultimamente mi ispira sintesi prima dei buoni propositi!

Ho iniziato ad occuparmi, interessarmi e incuriosirmi di l’alimentazione quando avevo i capelli tutti neri corvini, erano più di 30 anni fa, i miei figli non erano nati e io avevo il sogno di passare la mia vita dietro un microscopio per fare ricerca in ingegneria genetica. Ma poi, come per fortuna spesso accade, la vita sembra giocarci uno scherzetto e così,  inaspettatamente, mi sono ritrovata con grande piacere e passione a fare la nutrizionista. Continua a leggere »


Categoria Email Newsletter | Nessun commento »

Video: 1^ convegno nazionale NUPA- SIPEF 01 aprile 2017

Postato da Roberta Franceschini il 1 gennaio 2018 – 11:00 -

Eccoci all’appuntamento mensile con i video del 1^convegno nazionale Nupa in collaborazione con SIPEF  “L’ intestino nella testa“.

 

E’ la volta della dr.ssa Patrizia Gentilini, medico oncologo ed ematologo, comitato scientifico ISDE Italia (Medici per l’Ambiente) che ci parlerà dei rischi per la salute umana causati dall’esposizione cronica ai pesticidi.

Buona visione!


Categoria Bambini, Email Newsletter, Nutrizione e ambiente, Stili di vita, Video | Nessun commento »

Mense scolastiche: traguardi e insidie

Postato da Alice Peltran il 18 dicembre 2017 – 12:30 -

immagine tratta dal sito www.leonardoromanelli.it

 

 

 

 

 

 

 

Se da un lato, con la scusa che devono crescere, ai bambini è tutto concesso (merendine, biscotti, panini con affettati, succhi di frutta e bibite, ecc.) dall’altro è pur vero che sta crescendo tra i genitori una certa consapevolezza alimentare e capita sempre più spesso che a noi nutrizionisti o dietisti venga chiesto un consiglio su come migliorare i pasti a scuola.

In genere i menù scolastici “classici” contengono molti formaggi, pasta bianca, affettati o carni (anche rosse) ed è sempre presente il dessert che nelle migliori delle ipotesi è un frutto, altre volte uno yogurt zuccherato o un dolce. Poco spazio è lasciato al piatto unico e ancor meno a cereali integrali e legumi, il cui consumo quotidiano è consigliato anche dal WCRF (Fondo Mondiale per la Ricerca sul Cancro). L’eccesso di carni e formaggi può far facilmente superare il fabbisogno giornaliero di proteine ed è ormai risaputo come un’alimentazione ricca di proteine in tenera età predisponga a sovrappeso e obesità in età adulta, proprio come indicato nel progetto “Mi voglio bene” ideato dalla Società Italiana di Pediatria (SIP), la Società di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) insieme al Ministero della Salute per arginare l’epidemia di obesità e sovrappeso infantili

(per approfondire: https://www.sipps.it/pdf/taormina2010/brambilla.pdf ). Continua a leggere »


Tags: , , , , , , ,
Categoria Email Newsletter | Nessun commento »

“I pesticidi dentro di noi”

Postato da Alice Peltran il 4 dicembre 2017 – 12:41 -

 

 

 

 

 

 

 

Un’iniziativa imperdibile: “I pesticidi dentro di noi”, promossa dalla campagna “Cambia la Terra” (https://www.cambialaterra.it/ipesticididentrodinoi/).

Una famiglia composta da genitori e due figli ha accettato di sottoporsi ad analisi per vedere quanti pesticidi contengono i loro corpi, dopo di che ha iniziato a mangiare cibo biologico per due settimane e si è nuovamente sottoposta alle analisi. I risultati sono stupefacenti!

Potete seguire la famiglia a questi link:

– il video puntata 2: I RISULTATI DELLE ANALISI PRE-DIETA;

– il video puntata 6: I RISULTATI DOPO LA DIETA.


Categoria Email Newsletter | Nessun commento »

Video: 1^ convegno nazionale NUPA- SIPEF 01 aprile 2017

Postato da Roberta Franceschini il 27 novembre 2017 – 12:00 -

Continuiamo con gli interventi dei relatori che hanno preso parte al 1^ Convegno Nazionale Nupa-SIPEF svoltosi a Mestre il primo aprile scorso.

Ora è la volta della dr.ssa Nadia Marrazzo, odontoiatra olistico funzionale che ci parla dell’influenza del cibo sulla masticazione che a sua volta sembra avere un importante effetto sullo sviluppo scheletrico-facciale


Categoria Bambini, Email Newsletter, Stili di vita, Video | Nessun commento »

Partita la campagna #ipesticididentrodinoi#

Postato da Laura Faggian il 20 novembre 2017 – 12:43 -

Il progetto “Cambia La Terra”, è una campagna di informazione e di sensibilizzazione che viene promossa da chi non fa uso di pesticidi e fertilizzanti di sintesi sui campi, da chi produce e vende prodotti puliti e vede un altro futuro per il Paese. L’obiettivo è dare a tutti i cittadini uno strumento in più per capire quello che mangiano e come funziona il sistema dell’agricoltura industriale. Vede insieme Federbio con Isde- Medici per l’Ambiente, Legambiente, Lipu e WWF ed è coordinato da un comitato dei garanti di cui fanno parte – oltre ai rappresentanti delle associazioni citate – singole personalità del mondo della ricerca.

Così allo scopo di sensibilizzare ed informare quanto sia importante l’alimentazione e il fatto che sia priva di contaminanti,  è partita la campagna #ipesticididentrodinoi, con un video che mostra il grado di contaminazione della famiglia D. – romana, con abitudini alimentari nella media – rispetto ad alcuni tra i pesticidi ed erbicidi più utilizzati in agricoltura: glifosato, clorpirifos e piretroidi.

Ma questo sarà solo l’inizio…per tenerci aggiornati ed approfondire vi lascio qui alcuni link rimandando al sito della Dott.ssa Renata Alleva e a questo articolo.

 


Tags:
Categoria Email Newsletter, Nutrizione e ambiente, Riflessioni | Nessun commento »

Evviva la pizza

Postato da Mariasole Crosato il 6 novembre 2017 – 13:00 -

Condivido oggi con voi una stimolante e “gustosissima” esperienza di lavoro : realizzare una pizza sana e nutriente, in linea con le mie convinzioni in tema di corretta alimentazione. Il punto interessante è aver lavorato con un pizzaiolo professionista, preparato, appassionato e desideroso  di migliorare la qualità nutrizionale del suo prodotto. Una situazione davvero fortunata perché ho trovato un ragazzo volonteroso  che ha favorito ed accolto tutte  le mie proposte  con entusiasmo.

Obbiettivo della nostra ricerca :  migliorare non solo la composizione della pasta ma anche della farcitura,  creare una “pizza funzionale” ossia un prodotto tanto valido dal punto di vista organolettico quanto nutriente e sano . La riflessione di partenza nasce  da un consiglio di Anna Villarini, coordinatrice dell’Istituto dei tumori di Milano,  che suggerisce di realizzare la pizza con farina  e sale integrali e lievito madre (intervista rilasciata al Corriere della sera del 7 ottobre 2014).

Quali ingredienti?

Il nostro percorso di studio-lavoro si è articolato in varie fasi. Il primo step è  definire gli ingredienti dell’impasto base:  un’ottima farina semi integrale  biologica, di produzione locale e una buona pasta madre. La farina viene  scelta macinata a pietra : il sistema di molitura più antico in cui il chicco viene sfarinato con il passaggio attraverso una coppia di pietre naturali che girano lentamente così da non surriscaldare il prodotto e ottenere farine integrali di notevole pregio. Con questa tecnica, gli oligoelementi del germe vengono assorbiti dalla farina stessa e le conferiscono un alto valore biologico, esaltano l’aroma e la fragranza del grano originario e ne garantiscono un’elevata digeribilità.

Nella ricerca di questo ingrediente chiave ci siamo imbattuti quasi per caso in un mulino a pietra che si trova a circa un’ora di strada dal laboratorio in cui si preparano gli impasti. Il grano biologico viene coltivato nelle zone limitrofe, rispettando così la filosofia del km 0. Immersi  nell’ aroma della farina appena macinata , l’abbiamo toccata percependo la tipica untuosità del chicco macinato intero. La presenza di germe , endosperma e crusca rendono la farina un  vero nutrimento ricco di proteine, lipidi, enzimi, minerali, fibra e vitamine. In base poi al grado di abburattamento, cioè alla percentuale di residuo di minerali e crusca presenti nel chicco macinato, la farina risulterà più o meno integrale. La percentuale di fibra presente in questa farina aiuta a limitare l’impatto glicemico della pizza, al tempo stesso non essendo troppo consistente si rivela delicata nei confronti della mucosa intestinale, anche a quella di bambini ed anziani che presentano una flora batterica incompleta. Gli sportivi, in particolare, possono contare su un apporto maggiore di minerali e proteine rispetto ad una farina bianca. La digeribilità viene favorita dalla pasta madre,  in particolare da alcuni microorganismi che, secondo alcuni studi, digeriscono le componenti proteiche della gliadina rendendola meno tossica.

Il primo passo è fatto, ora la farina per le pizze di Luca è integrale, biologica (quindi priva di stabilizzanti, enzimi o ammendanti), macinata a pietra e a Km 0. Il lievito di birra  è stato sostituito con la pasta madre viva che rende più digeribile e assimilabile l’impasto.

Può bastare?

Il nostro operatore  però vuol andare oltre,si parla insieme di grani moderni  e  della modifica del loro assetto proteico- in particolare in questi chicchi le gliadine risultano in percentuale doppia rispetto al passato- che li rende potenzialmente più infiammatori ( da “grani Antichi”, G. Bindi, ed. Terra Nuova), si parla di “grani antichi “ e dell’impatto positivo che la loro coltivazione ha sulla salute e sull’ambiente      (“ in Italia il 90% delle acque è inquinata da diserbanti e concimi”- prof Dinelli,progetto VIRGO). Emerge inoltre il concetto di forza di una farina (W) ossia  la capacità di far lievitare un impasto; essa dipende dalla quantità di glutine che viene a crearsi quando le proteine (glutenine e gliadine) vengono a contatto con l’acqua .Le farine di grani moderni presentano grande forza e quindi un valore che si aggira tra i 300-400 W mentre farine di  “grani antichi” presentano una forza nettamente inferiore, 50-130W, il problema di chi le utilizza consiste nella difficoltà di lavorazione. Cerchiamo, quindi, fin da subito di trovare il giusto compromesso tra qualità e facilità di lavorazione, utilizzando queste “nuove” farine ed il lievito madre.

 

Nasce un nuovo progetto

Partiamo  con la ricerca della miscela ideale di “grani antichi” in modo da ottenere una soddisfacente lievitazione e un sapore unico, deciso e ricco delle sfumature che contraddistinguono queste speciali varietà di grano. Il nostro lavoro si amplia chiamando in causa anche Marco, il mugnaio proprietario del mulino sopracitato. Tra tutti i grani autoctoni presenti nella nostra miscela c’è il “Gentil Rosso”, un grano antico che verrà prodotto direttamente dal mugnaio per questo nuovo progetto. Il seme di grano è un essere vivente e si è evoluto con noi attraverso il sapiente lavoro del contadino con tecniche di selezione che avvenivano esclusivamente sul campo, non nei laboratori di ricerca come avviene dal’60 per i semi moderni. Questo è il grano “antico”: varietà di grano utilizzate fino a quando la genetica di laboratorio e l’irradiazione del chicco non hanno mutato  a gran velocità la genetica del frumento privilegiando un seme che sia coltivabile ovunque, che generi piante basse e resistenti all’ uso massiccio di concimi chimici e diserbanti (distruggendo la biodiversità garantita dal lavoro del contadino). Da qualche anno è in atto una forte tendenza al recupero dei grani di antichi , piante alte che spodestano naturalmente le infestanti, fornite di radici molto profonde in grado di trarre i micronutrienti dal terreno necessitando di pochi fertilizzanti.
Sono molte, oggi, le associazioni di contadini che stanno passando al biologico , al recupero delle sementi locali e allo scambio dei semi (pratica in uso fino ai primi del ‘900).Per quanto riguarda l’effetto sulla salute dell’uomo,posso citare un interessante studio coordinato dal professor Dinelli dell’università di Bologna, il progetto Virgo: analisi comparative su cinque varietà di grani antichi tra cui il Gentil Rosso, mostrano come l’assunzione di pane prodotto con una delle varietà di queste farine possa far registrare un miglioramento del colesterolo totale di soggetti reclutati per lo studio (da “Grani antichi”, G. Bindi, ed.Terra Nuova). Il potere panificatorio di questi grani non è elevato, ciò dipende non solo dalla varietà ma anche dalla zona pedoclimatica, per questo motivo è fondamentale l’abilità di chi li utilizza nel trovare tanto il mix ideale di grani  quanto le condizioni ambientali per favorirne l’interazione con la pasta madre.

Luca si  butta a capofitto nello studio e  nella cura del lievito madre, una creatura della quale si  innamora presto e che, come previsto, gli  da grandi soddisfazioni.  Costituito da molteplici microorganismi quali saccaromiceti, batteri lattici e acetici , attraverso una fermentazione mista trasforma la farina  permettendo l’ assimilazione dei minerali racchiusi dall’acido fitico, scrigno che altrimenti li terrebbe racchiusi in sé. La pasta madre nel laboratorio del nostro pizzaiolo mi ha sorpresa , la sua abbondanza e il suo gonfiarsi, la sua consistenza mutevole (più o meno elastica secondo il nutrimento che riceveva) il tripudio di aromi che sprigionava e che permettevano di capire se i microorganismi che la abitavano stessero lavorando o avessero bisogno di nutrimento, tutto questo portava alla mia attenzione la realtà della biodiversità di quel microcosmo .

Come rendere nutrizionalmente completa la pizza?

Si pensa finalmente alla farcitura! Si valuta che un aspetto fondamentale sia l’utilizzo di verdure di stagione e l’uso prevalente di ingredienti a crudo in modo da poter apprezzare tutte le caratteristiche organolettiche o nutrizionali altrimenti alterate dalla cottura. Un punto cardine consiste nell’ utilizzo di verdura, erbe aromatiche, germogli e semi oleosi così da arricchire di minerali, enzimi e soprattutto di vitamine la pizza altrimenti deficitaria perché sottoposta ad alte temperature!

La pizza concepita in questo nuovo progetto risulta non solo un alimento ma una vera arma di prevenzione rispetto a patologie diffuse quali diabete, ictus, obesità e tumore. Inoltre è un prodotto molto digeribile, molto delicato per l’intestino e per questo adatta anche persone che presentano una flora batterica incompleta oppure non in perfetto equilibrio (colon irritabile, disbiosi intestinale, intolleranze alimentari etc.).Presenta un consistente apporto di nutrienti quali lipidi, proteine, fibre e minerali che vengono completati dalle vitamine presenti nella farcitura; supporta bene il sistema immunitario ed infine ci regala aroma e sapore del grano antico. Per la scelta dei prodotti usati favorisce la biodiversità e la difesa dell’ambiente, fornisce al consumatore un prodotto di filiera trasparente e a km 0. La realizzazione di questo progetto è il  risultato di una interazione tra  differenti professionisti che si sono e si stanno agganciando in questo percorso di crescita mettendo in gioco il loro sapere, la loro capacità e la loro passione. Quando assaporo questa pizza provo grande gioia tanto per il palato quanto al cuore!

foto realizzata in campo presso il mulino

Un sentito ringraziamento alla pizzeria L’ Angolo Goloso per la collaborazione


Tags: , , , ,
Categoria Email Newsletter, Nutrizione e ambiente, Stili di vita | Nessun commento »

Iscriviti alla newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner